Commercialista agente di commercio

COMMERCIALISTA PER AGENTE DI COMMERCIO

Abbiamo ricevuto alcune richieste in merito a tutti gli aspetti fiscali e contabili relativi alla gestione dell’agente di commercio. Se svolgi questa attività avere un commercialista agente di commercio può rappresentare sicuramente una sicurezza in quanto un commercialista che si occupa della gestione degli agenti di commercio conosce perfettamente tutte le peculiarità dell’attività.

APERTURA PARTITA IVA AGENTE DI COMMERCIO

L’agente di commercio, è un lavoro che se svolto con metodo e disciplina può riservare anche grandi soddisfazioni economiche. Quando si inizia l’attività è importante conoscere in modo approfondito tutti gli adempimenti iniziali cosi da inquadrare in modo corretto l’attività.

La prima attività è aprire la partita iva presso l’agenzia delle entrate. Basta solo aprire la partita iva? Ovviamente no. Ci sono tutta una serie di riflessioni ed adempimenti che vanno visti.

L’agente di commercio va iscritto al registro imprese?

La risposta è positiva. L’agente di commercio andrà iscritto dal commercialista alla camera di commercio di riferimento ed andrà anche iscritto alla gestione inps commercianti. Andrà anche presentato il modulo Arc firmato digitalmente dall’agente stesso pertanto occorre anche la firma digitale nonchè il contratto di agenzia.

In mancanza di queste formalità l’agente non potrà essere iscritto regolarmente alla camera di commercio e non potrà avere la visura che attesti la regolarità di iscrizione.

Per svolgere l’attività di agente di commercio devi possedere, oltre ai requisiti morali anche quelli professionali.

I requisiti morali
I requisiti morali sono:

– non essere interdetti o inabilitati;

– non essere condannati per delitti contro la pubblica amministrazione, l’amministrazione della giustizia, la fede pubblica, la economia pubblica, l’industria ed il commercio;

– non essere condannati per delitto di omicidio volontario, furto, rapina, estorsione, truffa, appropriazione indebita, ricettazione, e per ogni altro delitto non colposo per il quale la legge commini la pena della reclusione non inferiore, nel minimo, a due anni e, nel massimo, a cinque anni.

I requisti professionali
I requisiti professionali sono:

– aver superato con esito positivo uno specifico corso professionale istituito o riconosciuto dalle regioni;

oppure

– aver prestato la propria opera per almeno due anni alle dipendenze di una impresa con qualifica di viaggiatore piazzista o con mansioni di dipendente qualificato addetto al settore vendite, purché l’attività sia stata svolta anche se non continuativamente entro i cinque anni dalla data di presentazione della domanda;

oppure

– aver conseguito il diploma di scuola secondaria di secondo grado di indirizzo commerciale o laurea in materie commerciali o giuridiche.

In una ditta individuale, devono possedere i requisiti morali e professionali il titolare e/o gli eventuali preposti; in una società, tutti i legali rappresentanti dell’impresa e/o gli eventuali preposti.

Agente di commercio contributi inps e enasarco

L’agente di commercio deve obbligatoriamente iscriversi alla Gestione Commercianti dell’Inps. I contributi fissi si pagano in quattro rate trimestrali. Se si supera il minimale di reddito che ogni anno viene stabilito dall’Inps si devono versare anche i contributi sulla parte di reddito eccedente il minimale.
Regime fiscale agente di commercio Attualmente esiste il regime forfettario che consente di pagare un’unica imposta fissa del 5%, senza pagare nessun’altra imposta sui redditi. La valutazione andrà fatta anche su eventuali costi deducibili in modo da scegliere il miglior regime fiscale.

RICHIEDI UNA CONSULENZA GRATUITA AI NOSTRI COMMERCIALSTI PER L'APERTURA DELLA PARTITA IVA

Torna su